Blog sull'emozione del Vino

 


Duca di Dolle: CUV 2018 Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G.brut Rive di Rolle(realmente extra brut)

 

 
Overview
 

Cantina: Duca Di Dolle Societa' Agricola S.S.
 
Nome: CUV
 
Annata: 2018
 
Uvaggio: 100% UVA DI DIO ( la definisce il titolare Andrea Baccini) dichiarata 100% glera, trova realmente la tipicità della tradiziona dell' allevamento a doppio capovolto della Valdobbiadene, ove le viti erano piantate per varietà miste, per volontà non ignoranza, per far si che negli anni difficili x una tipologia di vite, le altre varietà supplissero a tale carenza, ed a mio avviso per dare complessità all'uva glera (che dal 1400 al 2009 si chiamava uva Prosecco). viti di 50 anni distribuite su 2,70 ettari, mediamente esposte a sud su terreni argillosi compatti con sovrastrato vegetale di crca 30 cm, inerpicatio a circa 400-450 m.sl.m. Scrivo raramente la dicitura "raccolta a mano" ma se vedete ove sono esposti i vigneti capite che l'alternativa sarebbe solamente con l'elicottero ed un funambolo, e trasportata su mezzi refrigerati! Oltre alla glera pari a circa l'80% troviamo perera, pinot nero, pinot grigio, bianchetta trevigiana, verdiso ed altre minori. 2,8 g.l residuo zuccherino, acidità 5,5 grammi per litro
 
Gradazione: 11,5g
 
Provenienza: Via Piai Orientali, 5- 31030 Rolle di Cison di Valmarino-Treviso - Italy UE-0438 97 58 09- info@ducadidolle.it
 
Prezzo medio: circa dai 13 ai 15 euro
 
Colore
7.0


 
Profumo
7.5


 
Gusto
7.7


 
Emozione
8.2


 
Bevibilità
7.1


 
Punteggio finale
7.5
7.5/10


Valutazione utenti
nessuna valutazione

 

Aspetti positivi


Colore: paglierino chiarissimo abbastanza luminoso; Profumo: fiori bianchi, minerale, erbe aromatiche mediterranee, leggera mela renetta, elegante, frutta esotica; Gusto: ampia apertura, bolla sottile spumosa espressiva ed ancora ribelle per giovinezza, corpo ampio ed unico fruttato, minerale, sapido, fresco, acidità in equilibrio, coda media che prosegue lunghissima assottigliandosi donando sentori di frutta gialla, erbe aromatiche, mineralità espressiva, e tocchi finali d'intriganti spezie orientali come zafferano, curry e zenzero; EMOZIONE: INTRIGANTE ED UNICO

Aspetti negativi


ancora giovane leggermente ribelle nella bolla


In breve...

L’Azienda duca di Dolle, inerpicata nelle colline di Rolle entro la denominazione Valpolicella-Conogliano, presenta oltre la cantiana anche un antico e ben curato Relais (agriturismo)  ove si può pernottare e pranzare. l Relais Duca di Dolle nel XVI secolo fu sede di un convento di origine medioevale di cui restano ancor oggi il portale d’ingresso […]

0
Pubblicato 30 Giugno 2019 da

 
Full Article
 
 

L’Azienda duca di Dolle, inerpicata nelle colline di Rolle entro la denominazione Valpolicella-Conogliano, presenta oltre la cantiana anche un antico e ben curato Relais (agriturismo)  ove si può pernottare e pranzare. l Relais Duca di Dolle nel XVI secolo fu sede di un convento di origine medioevale di cui restano ancor oggi il portale d’ingresso e le arcate in parte occluse del chiostro. Furono proprio i frati camaldolesi ad iniziare per primi la tradizione vinicola di questi colli, tanto da far divenire l’eremo un punto di riferimento per la zona.

Più tardi la tenuta passò alla famiglia Brandolini, finché nella prima metà del ‘900 non divenne proprietà del “poeta contadino” Nino Mura. Questo personaggio singolare, poeta dilettante e appassionato di natura e cultura, tra gli anni ’50 e ’60 aprì il luogo ad amici eletti, quali i poeti Giovanni Comisso e Andrea Zanzotto, con cui amava intrattenersi in serate conviviali.

Fu nel ’74 che Antonio Bisol ebbe l’occasione di conoscere Mura, dal quale poi acquistò l’intera tenuta, che grazie agli attenti restauri, è stata infine valorizzata. Il Borgo di Rolle infatti, definito proprio da Zanzotto “una cartolina mandata dagli dei”, viene dichiarato primo Punto FAI in Italia per la salvaguardia del paesaggio.

Dal 2011 c’è stato un cambiamento di proprietà. Duca di Dolle attualmente è un entità autonoma del gruppo Baccini.

Le vigne Duca di Dolle, coltivate con metodi naturali, sono situate in un’area particolarmente vocata alla produzione del Prosecco, sicuramente da vedere per poter capire dove nasce la bolla più famosa e bevuta nel mondo.

Il rispetto del prossimo, il rispetto della natura e la volontà di essere leali con il nostro futuro:
questi sono i princìpi che guidano l’attività vitivinicola di Duca di Dolle.

Il CUV 2018 si può considrare l’ attuale cavallo “da palio di siena” lo definirei, dell’azienda.  E’ elegante ed  intrigante, donando al naso una complessita olfattiva che poi in bocca esplode con una bolla elegante, ma dai toni ancora ribelli per giovinezza, con evoluzione della stuttura che spazia dalla frutta tradizionale gialla, a quella esotica, per trascorrere pochi attimi nelle erbe aromatiche, nei fiori di campo, e per completarsi in tocchi vivaci ma sensibili di speziature d’oriente. 7000 bottiglie annue

Il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G. rappresenta il vertice della piramide qualitativa del mondo Prosecco. L’area di produzione si trova in Veneto, a 50 km da Venezia, nella fascia collinare della provincia di Treviso, compresa tra le cittadine di Conegliano e Valdobbiadene, situata a uguale distanza dalle Dolomiti e dall’Adriatico, combinazione che influenza positivamente il clima. Un territorio difficile da coltivare ma affascinante, un paesaggio unico scandito da vigneti scoscesi e vegetazione naturale, ricco di testimonianze storiche e artistiche, candidato a Patrimonio dell’Umanità Unesco. Istituita nel 2009, la D.O.C.G. comprende quindici comuni con circa 6.000 ettari totali di vigneto, dei quali 100 nell’area di produzione del Cartizze, in comune di Valdobbiadene. La vite è coltivata nella parte più soleggiata dei colli, tra i 50 e i 500 metri sul livello del mare. Attraverso la sua storia straordinaria, il Conegliano Valdobbiadene ha costruito, nel tempo, il successo del Prosecco, apprezzato e amato in tutto il mondo.

 

EMOZIONE: INTRIGANTE ED UNICO

Degustazione: in cantina il 26-06-2019  con il titolare – Andrea Baccini –

 


Marzio Dal Toso

 


0 Comments



Commenta per primo!


Rispondi


(required)