Blog sull'emozione del Vino

 


34° edizione della Rassegna Müller Thurgau: Vino di Montagna

 

 
Overview
 

Location
7.5


 
Offerta Vini
7.5


 
Cortesia del personale
8.0


 
Sito Web
6.0


 
Qualita/Prezzo
7.0


 
Emozione
7.0


 
Organizzazione
7.2


 
Punteggio finale
7.2
7.2/10


Valutazione utenti
nessuna valutazione

 


In breve...

34° edizione della Rassegna Müller Thurgau: Vino di Montagna Nelle Bellissime vallate della Val Di Cembra a Cembra-Lisignano (TN), si è svolta la 34a Rassegna del Muller Thurgau-vino di Montagna. La Val Cembra è un luogo meraviglioso, dove ” l’indice dell’Natura tocca quello dell’Uomo” nella complicità e nel rispetto reciproco.  Terrazzamenti a Pergola Trentina che […]

0
Pubblicato 8 Agosto 2021 da

 
Full Article
 
 

34° edizione della Rassegna Müller Thurgau: Vino di Montagna

Nelle Bellissime vallate della Val Di Cembra a Cembra-Lisignano (TN), si è svolta la 34a Rassegna del Muller Thurgau-vino di Montagna. La Val Cembra è un luogo meraviglioso, dove ” l’indice dell’Natura tocca quello dell’Uomo” nella complicità e nel rispetto reciproco.  Terrazzamenti a Pergola Trentina che s’inerpicano dal Torrente Avisio fino alle cime pià alte, dominate dai grandi boschi e pascoli. Quì non possono che dimorare i migliori vitigni di Chardonnay, Pinot Nero, Schiava grossa (ahimè il vero autoctono sempre meno valorizzato in tutti i territori del Trentino e Alto Adige- a nostro avviso un grande errore-), ma in particolare il Muller Thurgau (Reisling Renano per Madaleine Royale) nome che deriva dal suo creatore, l’enologo svizzero Hermann Müller abitante nel cantone Turgovieìse da quì Thurgau, che trova in questo territorio una grande espressività di eleganza ed equilibrata acidità.Oltre 60 vini in degustazioni anche di altre Nazioni, che abbiamo in gran parte degustato, selezionando per voi le seguenti etichette:

Cembra Cantina di Montagna: Trentino DOC Muller Thurgau Vigna delle Forche 2019

100 % Muller Thurgau, solo acciaio da un’unico vitigno posto a Sud, a  870 m.s.l.m. massima altitudine del vitigno in questa zona, allevamento a Pergola Trentina e Guyot.

Dopo le note al naso di pesca gialla e sambuco, nel calice trovimo subito l’espressività del varietale, con una equilibrata acidità, una sapidità quasi iodata, con una coda sottile , fresca mediamente lunga con note finali  di pietra focaia, e zafferano. Sicuramente un Muller Thurgau molto rappresentativo per il territorio.

EMOZIONE 7.2 Unico nell’espressione del varietale

Azienda Agricola Bellaveder: Trentino Doc Muller Thurgau San Lorenz 2020

100 % Muller Thurgau, solo acciaio  allevamento a Spalliera a 600 m.s.l.m..

Profumi di salvia, pesca bianca e gelsomino esalano dal calice, che al sorso denota da subito una discreta spalla acida, una spiccata ma piacevole sapidità minerale associata ai frutti come pesca bianca e amolo giallo, dalla lunga e sottile coda con note vulcaniche e speziate.

EMOZIONE 7.1 Equilibrato dalle note fresche e sapido

Kurtarsch Kellerei Cantina: Alto Adige Muller Thurgau 2020

100 % Muller Thurgau, solo acciaio, 800-900 m s.l.m., vigneti esposti a sud – est, terreni sabbiosi e argillosi con quarzo e dolomite.

Dall’olfatto si percepisce subito la pulizia, con note di mentuccia romana e erbe alpine; passando al calice, si percepische subito una struttura abbastanza ampia con una swpalla acida agrumata, che dona freschezza associata alla sapidità minerale, con una coda piuttosto persistente e vivace che dove  integra le note agrumate a quelle speziate di pepe bianco e noce moscata.

EMOZIONE 7.0 Di piacevole struttura dal finale sagrumato e speziato

 

Villa Corniole: Trentino Doc superiore Valle di Cembra Muller Thurgau Pietramontis 2019

100 % Muller Thurgau, solo acciaio ,  a  600/700 m.s.l.m. allevamento a Pergola Trentina e Guyot su terrazzamenti della Val di Cembra in terreno sciolto, di origine porfirica e in parte calcareo.

Subito il colore paglierino medio dai riflessi smeraldini e luminosi, fa percepire un vino di una certa struttura , poi confermata dalle note fiorite di gelsomino e fruttate di pesca gialla al naso. Nel cristallo apprezziamo fin da subito il calore, la composta ed equilibrata ampiezza ed acidità, che corrisponde anche nella lunga coda di erbe aromatiche come timo e rosmarino e leggera mandorla tostata.

EMOZIONE: 7.0  Caldo ersistente di piacevole beva

 

Cantina Aldeno:  Trentino Doc  Muller Thurgau Athesim Flumen 2020

100 % Muller Thurgau, solo acciaio ,  a  500/800 m.s.l.m. allevamento a Pergola Trentina e Guyot sui pendii del  Monte Bondone (Comune di Cimone -TN).

Un vino dai sentori di salvia e timo, con una spiccata acidità che denota giovinezza, con una sapida mineralità, di buona struttura e persistenza, e finale lungo di ortica, sambuco e spiccate note acgrumate di pompelmo rosa. Sicuramente ancora in evoluzione, ma di piacevole beva e struttura.

EMOZIONE: 7.0  Persistente, giovane di piacevole beva

 

Azienda Agricola Simoni Ferruccio e Michele : Vigneti delle Dolomiti Muller Thurgau  2020

100 % Muller Thurgau, solo acciaio, allevamento  a Pergola Trentina e Guyot su terrazzamenti della Valle di Cembra (Comune di Giovo -TN-) a a 500/600 m.s.l.m..

Piccolissima realtà familiare, che senza conoscerla, dal calice ti fa percepire l’ottima valorizzazione di questo vitigno, in una versione giovane ma di ampiezza, con un calore piacevole, un corpo ampio sapido e fruttato, dal’integrata spalla acida agrumata, con note di ortica e pesca bianca, con iuna coda lunga sottile e sinuosa dalle caratteristiche persistenze citrine di rabarbaro.

EMOZIONE: 7.2  Caldo, Persistente, Citrino

La Verticale alla Az. F.ll. PELZ

Come si può osservare dai vini sopra degustati, la versione omnia del territorio è quella d’annata secca, fresca e giovane, di beva non complessa, e per questo non definibile entro i grandi bianchi complessi e di struttura. Abbiamo partecipato ad un’interessante verticale di vecchie annate di Muller thurgau in purezza ( 2011-2012-2014-2016-2018 e la 2020 non ancora in commercio) della Società Agricola Fratelli Pelz di Cembra-Lisignano (TN), ove spiccavano sicuramente l’annata 2012 e 2011 , la prima per complessità e freschezza, la seconda per struttura e persistenza. Interessante anche la spumantizzazione di un’autoctono ormai dimenticato Il Lagarino Bianco dell’Azienda Nicolodi Alfio denominato Il Cimbrus Brut Methodo classico 76 mesi sui lieviti (sboccatura 20/03/2020), grande spalla acida e sapidità minerale, con struttura non complessa, fresco e citrino.  A nostro avviso, la vallata che conferisce molto del proprio Chardonnay e Pinot Nero alle grandi aziende spumantistiche della Trento DOC, dovrebbe valutare di creare una bollicina autoctona con il nome del territorio, cosa che alcune micro aziende familiari stanno iniziando a fare come ad esempio  l’Azienda Agricola Simoni Ferruccio e Michele e l’Azienda Vinicola Nicolodi Alfio.

La Press stadavinoTrentino Stefania Casagranda e Il Giornalista Federico Quaranta

Suggeriamo d’investire anche sul Muller Thurgau, espressione varietale di eccellenza in Valle di Cembra, che meriterebbe una considerazione maggiore, valutando un vino non solo d’annata e pronta beva, ma un nuovo prodotto di maggior complessità , magari che affina in legno, e nell’uvaggio  comprenda anche una modesta percentuale di Chardonnay, per poi essere elemento non predominante, ma di traino riconoscitivo, per questa realta enologica di alto valore, tanto da scomodare le grandi aziende di bollicine della Trento DOC a richiederne i propri frutti dalle peculiarità e carettristiche organolettiche d’eccellenza. Questgo nuovo vino , come afferma da tempo Mario Pojer dell’omonima azienda potrebbe chiamarsi  Val Cembra  oppure secondo noi..perchè no anche  anche  Cembro ? A voi ardua sentenza!

Un manifestazione ben organizzata, sia nelle degustazioni, che nelle altre iniziative collaterali,  unico piccolo appunto che suggeriamo per il futuro, rendere più visibile le degustazioni libere tramite apposita cartellonistica  dalle vie pubbliche,  magari anche al di fuori del paese. Un rigraziamento particolare all’organizzazione e press Trentino.

Valle di Cembra (TN) 08-08-2021

L?INDOVINO

 

 

 

 

 

 

La premiazione con Federico Quaranta

17 MEDAGLIE D’ORO AL CONCORSO MÜLLER THURGAU

 

Altissima, anche quest’anno, la qualità di vini partecipanti. I premiati, in particolare, hanno ottenuto punteggi superiori agli 87 punti. Nel medagliere, 11 cantine trentine, 3 altoatesine, 1 valdostana e 2 tedesche. In particolare, 14 sono produzioni 2020, 2 del 2019 e 1 del 2018.

 

Si è svolta  venerdì 30 luglio, la premiazione della 18° edizione Concorso Internazionale Vini Müller Thurgau, in concomitanza con la 34° edizione della rassegna Müller Thurgau: Vino di Montagna, organizzata dal Comitato Mostra Valle di Cembra con il supporto di Trentino Marketing e il coordinamento della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino nell’ambito della promozione delle manifestazioni enologiche provinciali denominate #trentinowinefest.

 

A condurre l’appuntamento, presso il nuovo spazio Fuori di Taste a Cembra, il poliedrico presentatore televisivo, nonché anima del programma radiofondico Decanter, Federico Quaranta – particolarmente felice ed emozionato perché al suo primo incontro pubblico dall’arrivo del Covid – insieme alla Donna del Vino e Sommelier professionista Rosaria Benedetti, che ha  accompagnato per mano gli spettatori alla scoperta delle caratteristiche dei vini premiati. Nella prima batteria ci si è soffermati in particolare sull’analisi visiva, nella seconda si è esplorato il mondo dei profumi, mentre nella terza ci si è concentrati sul sapore. Ogni gruppo di vini è stato inoltre proposto in abbinamento  a diverse tipologie di finger food realizzate da Guglielmo Baron, allievo dello stellato Alessandro Gilmozzi e oggi alla guida del nuovo ristorante Ca’ dei Volti di Cembra.

 

La volontà era quella di raccontare come il corretto abbinamento di un vino a tavola possa cambiare la percezione di qualità e valore dello stesso e dimostrare la grande versatilità di un prodotto come il Müller Thurgau, che è molto più di un vino da aperitivo come molto spesso viene percepito ma, anzi, si riesce a sposare benissimo con la cucina più attuale, ricercata, fine ed elegante. “La perfezione – ha commentato Federico Quaranta – non è quando il cuoco è bravissimo o il vignaiolo è eccelso, ma quando il matrimonio tra cibo e vino, come in questo caso, è indovinato e riesce a valorizzare entrambi gli elementi”.

Al termine della presentazione, spazio alla consegna delle medaglie d’oro. Tra i 17 premiati, 11 sono etichette trentine: IGT Vigneti delle Dolomiti Müller Thurgau 2020 di Azienda Agricola Francesco Moser; IGT Vigneti delle Dolomiti Müller Thurgau Palai 2019 di Azienda Agricola Pojer e Sandri; DOC Trentino Müller Thurgau Athesis Flumen 2020 di Cantina Aldeno; DOC Trentino Müller Thurgau Lavis Ritratti 2020 di Cantina La Vis-Valle di Cembra; DOC Trentino Müller Thurgau 2020 di Cantina Rotaliana di Mezzolombardo; DOC Trentino Müller Thurgau Vini del Gelso 2020 di Cantina Sociale Mori Colli Zugna; DOC Trentino Müller Thurgau Casata Monfort  2020 di Cantine MonfortIGT Vigneti delle Dolomiti Müller Thurgau 2020 di Cantine Simoni; DOCG Trentino Superiore Müller Thurgau Zeveri 2018 di Cavit; DOC Trentino Superiore Valle di Cembra Müller Thurgau 2020 di Società Agricola Zanotelli.Trentino Superiore Valle di Cembra Müller Thurgau Pietramontis 2019 di Villa Corniole;

 

A questi si aggiungono tre altoatesini, ovvero DOC Alto Adige Müller Thurgau 2020 di Cantina Kurtatsch; DOC Alto Adige Valle Isarco Müller Thurgau 2020 di Cantina Valle Isarco; e DOC Alto Adige Müller Thurgau Kreiter 2020 di Malojer Gummerhof; un valdostano, DOC Valle d’Aosta Müller Thurgau 2020 di Cave des Onze Communes, e due tedeschi, Pfalz Qualitateswein Pfalz In the mood for Müller 2020 di Hammel e Qualitatswein Baden – Bodensee  Müller Thurgau Trocken 2020 di Winzerverein Hagnau.

 

Si ripete il grande risultato del 2018 – ha commentato Renzo Folgheraiter, Presidente del Comitato Mostra Valle di Cembradove avevamo premiato solo Medaglie d’Oro, a riprova dell’elevato standard qualitativo delle produzioni in gara. Anche quest’anno, tra l’altro – ha aggiunto – sono diverse altre le realtà che avrebbero meritato la medaglia ma per regolamento il numero di premiati non può superare il 30% di quelli partecipanti. Rinnovo a tal proposito al pubblico l’invito a toccare con mano questa qualità attraverso le degustazioni in programma fino a domenica a Palazzo Maffei”.

Al termine della premiazione, spazio per il taste show Quaranta sfumature di Müller, per chiacchierare insieme al pubblico di vino, cibo e curiosità legate al mondo dell’enogastronomia e del territorio. Un incontro in cui Federico Quaranta ha ricordato l’estrema piacevolezza del Müller Thurgau, ideale per accompagnare i momenti felici, grazie alle sue caratteristiche che – come visto sopra – lo rendono perfetto a tavola ma non solo. Lo stesso quaranta, che per qualche anno ha gestito un winebar a Roma, ha ricordato come sia stato per molto tempo protagonista indiscusso degli aperitivi della capitale, grazie alla sua facilità di beva e al suo stile fresco.

 

Il presentatore non si è risparmiato nemmeno nei complimenti al territorio, ricordando come i terrazzamenti vitati – al pari di meraviglie come il Colosseo – siano monumenti alla fatica umana, al sacrificio con cui veri eroi hanno saputo modellare il paesaggio, strappando alla montagna terreno fertile per creare vita e opportunità. Vere e proprie opere di arte e di ingegno di cui essere orgogliosi e da far conoscere e valorizzare.

 

 

Cembra Lisignago, 31 luglio 2021

Ufficio stampa #Trentinowinefest
Contatto: Stefania Casagranda
388 7216228 | press@stradavinotrentino.com


Marzio Dal Toso

 


0 Comments



Commenta per primo!


Rispondi


(required)